Questa proposta di viaggio può essere personalizzata, in base alla tua disponibilità di tempo e in base ai tuoi interessi
Contattateci
Chiedete un preventivo
I viaggi nell'  India del Sud


Il cammino degli dei, la via delle spezie

15 giorni - 14 notti
Chennai / Mahabalipuram / Tiruvannamalai / Kumbakonam / Tanjore / Chettinad / Rameshwaram / Dindugal / Munnar / Backwaters / Kochi
Un’India mistica per una vera immersione nelle pieghe più profonde dell’induismo, da scoprire nei grandi templi di Mahabalipuram, Kanchipuram, Tiruvannamalai,Tanjore e Madurai, ma anche nei piccoli centri religiosi del Tamil e Nadu e del Kerala. Un’India lenta e lontana dai clamori, fra la sua punta all’estremità meridionale e i villaggi dove la vita scorre lenta come le acque delle backwaters su cui si affacciano. Un’India dove il passato coloniale, le culture e tradizioni che provengono dall’Europa e dal medio-oriente ben si sono fuse con quelle locali. Un’India verde, rigogliosa e profumata da assaporare con tranquillità tra la folla dei fedeli e nella quiete dei villaggi. Dove possibile, e in particolare a Chettinad, Dindugul e sulle backwaters,  la sistemazione è prevista in alberghi di charme, per lo più dimore di piccole dimensioni che conservano la loro origine e atmosfera di abitazione privata  
Tipo di viaggio: individuale, partenze giornaliere
Costo per persona: minimo 2 persone, voli internazionali esclusi, a partire da €  1850,00, hotel  comfort
Validità tariffa: fino al 30 settembre 2017.
Il costo include:
  • Tutti i trasferimenti con automezzo privato con autista
  • Treno Chettinad-Rameshwaram
  • Sistemazione in camera doppia con prima colazione, pensione completa a Dindugul e sulle Backwaters
  • Lezioni di cucina e escursione in bicicletta a Chettinad
  • Spettacolo cinematografico e cerimonia nottruna  nel tempio di Maduria
  • Escursione in piccole imbarcazioni sulle backwaters
  • Escursione in barca al tramonto a Kochi
  • Telefono con SIM indiana

    Il programma di visite si intende suggerito; sono inclusi solo l’assistenza di guide locali e gli ingressi  menzionati  in “il  costo include”

    La sinagoga di Kochi è chiusa venerdì e sabato, il Palazzo Mattancherry venerdì.
     

1° Chennai – Mahabalipuram
Arrivo, a Chennai; trasferimento in albergo a Mahabalipuram, a circa 50 chilometri, sulla costa del Coromandel.

2° Mahabalipuram - Kanchipuram – Mahabalipuram
Visita di Kanchipuram, la città d’oro e una delle sette città sante dell’induismo, dove si possono visitare numerosi templi costruiti in epoche diverse e sacri a Shiva e Visnu. Ritorno a Mahabalipuram e visita dei templi e monumenti sacri dell’epoca Pallava (6°- 8° secolo), che si affacciano sulla spiaggia e sul mare. Spettacolare il grande bassorilievo scolpito su una roccia che rappresenta la discesa della dea Ganga sulla terra , resa possibile dall'intervento del dio Shiva, che frappone la sua testa e i suoi capelli che la ordineranno in fiumi, tra l'immensa massa d'acqua e la terra stessa, impedendone la distruzione.

3° Mahabalipuram - Tiruvannamalai
Proseguimento per Tiravannamalai, lungo il percorso visita del forte di Rajagiri, del 1200, che racchiude templi, palazzi e riserve d’acqua. Arrivo a Tiruvannamalai e visita del tempio Arunachaleswarar, dedicato a Shiva, costruito nel 700 e importante luogo di pellegrinaggio. Vi si svolgono cerimonie molto affollate durante i giorni di luna piena, in particolare durante il plenilunio fra Novembre e Dicembre, quando, durante il festival di Kartigai Deepam, milioni di fedeli raggiungono il tempio.
Visita dell’Ashram fondato dal guru Ramana Maharshi, che visse in questo luogo di meditazione fino alla sua morte nel 1950.

4° Tiruvannamalai - Kumbakonam
Proseguimento del viaggio verso sud e visita dei magnifici templi per lo più dedicati a Shiva ed edificati durante il regno della dinastia Chola fra il 9° e il 14° secolo, situati nei piccoli villaggi sul vasto delta del fiume Kaveri, come quello di Gangaikondacholapuram, sito dell’Unesco, uno dei meglio conservati, molto simile al più grande tempio di Tanjore.
Altro tempio significativo (visita non inclusa) è il tempio di Chidambaram, dedicato a Shiva danzante (Shiva Nataraja), che, secondo la tradizione, ballò per la prima volta davanti agli dei, mostrando le diverse posture di quella che sarebbe diventata la danza Baharata-Natyam. Proseguimento per Kumbakonam, visita del tempio di Airavateswarar di Darasuram, del 12° secolo e anche’esso sito Unesco. Il tempio, di dimensioni minori rispetto agli altri “templi viventi” del periodo Chola, conserva invece raffinate sculture che raffigurano le divinità ed episodi della vita quotidiana dell’epoca.

5° Kumbakonam - Tanjore - Chettinad
Proseguimento per Tanjore, visita del Museo della città, dove sono conservate raffinatissime sculture in bronzo del periodo Chola, ed infine visita di uno dei grandi templi viventi dell’India meridionali, il tempio Brihadishwara, uno dei più importanti esempi di arte dravidica. La giornata termina nella regione di Chettinad, un insieme di villaggi fra i pochi rimasti degli originali, dimora di banchieri, commercianti, gioiellieri e artigiani che costituivano una comunità a sé stante nel 19° secolo. Chettinad è di estremo interesse per l’architettura delle case e dei palazzi, per la cucina a base di spezie rare e di combinazioni inusuali. Pernottamento in una delle case tradizionali della zona e  breve corso di cucina.

6° Chettinad
Giornata a disposizione per esplorare i villaggi della regione, visitare le case, palazzi e i templi di campagna, osservare il prezioso lavoro dei tessitori che producono meravigliosi tessuti e sari con i disegni e i colori tipici di Chettinad, fare brevi escursioni in bicicletta, imparare i segreti di qualche ricetta antica, e assaporare il piacere di una zona dell’India lontana dal clamore ma ricca di storia, cultura e tradizioni.

7° Chettinad – Rameshwaram
Partenza in treno (circa 5 ore) per Rameshwaram, un’isola collegata alla terra ferma da un ponte, separata dall’isola di Mannar, a Sri Lanka, da un piccolo braccio di mare nel golfo di Mannar. Secondo la leggenda il dio Rama costruì qui un ponte per raggiungere Lanka e salvare l’amata Sita, rapita da Ravana. Rameshwaram è, insieme a Varanasi, uno dei luoghi più sacri che gli indu dovrebbero raggiungere in pellegrinaggio almeno una volta nella vita. Visita del tempio di Ramanathaswamy, dedicato a Shiva e dalla particolare architettura con lunghi corridoi interni sostenuti, si dice, da più di mileduecento grandi colonne in granito. Tempo a disposizione per passeggiare lungo la rive del mare e fra i più di sessanta bacini sacri dove si svolgono i rituali di purificazione.

8° Rameshwaram - Madurai
Proseguimento per Madurai. All’arrivo visita del Thirumalai Nayak Palace, costruito in stile indo-saraceno ed ora Museo archeologico, del piccolo Museo dedicato a Gandhi e alla storia dell’Indipendenza indiana e dello spettacolare tempio di Meenakshi, importantissimo centro religioso, all’interno del quale si dice si trovino trentatre milioni di sculture che rappresentano le diverse divinità, dedicato alla sposa di Shiva.
Il tempio è uno dei più grandi di tutta l’India ed è sempre frequentato da una folla immensa di pellegrini che sostano a lungo in preghiera o si bagnano nelle acqua del bacino sacro. In serata vi si svolge una suggestiva cerimonia notturna durante la quale le statue di Shiva e Parvati si ricongiungono dopo una processione accompagnata da musica e preghiere; la visita inclusa. Al termine un’altra esperienza unica: spettacolo cinematografico in una delle migliori sale della città, dove vengono proiettati film della fiorente industria cinematografica in lingua Tamil, spesso chiamata Kollywood e seconda per importanza dopo la più nota di Bombay.

9° Madurai - Dindugal
Partenza verso le alture dei Ghat Occidentali fino a raggiungere, nei pressi di Dindugal,  Rajakkad Estate, una piantagione dove si coltivano caffè e spezie, che dispone di sole sette camere  arredate con gusto nell’edificio originale del 18° secolo.  Nella piantagione è possibile partecipare a diverse attività come passeggiate a piedi, visita dei villaggi vicini, raccolta del caffè (da febbraio a marzo) o del pepe (a dicembre,giugno e luglio), partecipare a corsi di cucina, fare birdwatching o semplicemente oziare nella quiete circondati da splendidi paesaggi.

10° Dindugal - Munnar
Si lascia il Tamil Nadu per entrare nello stato del Kerala, seguendo la strada che si inerpica sulle alture dei Ghat Occidentali fino a raggiungere , dopo un viaggio attraverso boschi, piantagioni e praterie.  Munnar, situata a circa 1600 metri di altitudine e cittadina principale nei pressi del parco nazionale di Eravikulam, dove, fra le foreste, si nascondono cervi indiani, elefanti e alcuni predatori come leopardi, rare tigri e sciacalli. Visita del museo dedicato alla produzione e alla lavorazione del te.

11° Munnar – Backwaters
Proseguimento fra piantagioni di te e spezie per raggiungere la costa del Malabar, fino alla zona delle backwaters un vasto intreccio di canali di acqua salmastra fra il mare e la laguna che lambiscono villaggi e risaie. Sistemazione in una homestay  nella zona meno turistica delle backwatwers, gestita dai proprietari di una fattoria, membri della comunità locale. La sistemazione è in bungalow con camere spaziose  e servizi privati, che si affacciano sulla laguna. I pasti vengono serviti nella grande cucina e consumati a un unico tavolo dove è piacevole conversare con gli altri pochi ospiti e con i proprietari. La cucina rispecchia le tradizioni delle famiglie siro-cattoliche che sono  parte consistente della comunità  di questa  zona delle backwaters. Questa tappa deve essere intesa come un’esperienza per apprezzare l’atmosfera bucolica e la cucina tradizionale, conoscere i villaggi vicini, passeggiare fra chiese, moschee, templi e laboratori artigianali, rilassarsi osservando il lento scorrere della vita sull’acqua.

12°Backwaters
Giornata dedicata a passeggiare a piedi nei dintorni, fra canali, risaie e piantagioni; a esplorare i piccoli canali di questa zona delle backwaters con una piccola imbarcazione; oppure a visitare gli allevamenti di gamberetti o a scoprire le piccole attività commerciali che si svolgono nei villaggi.

13° Backwaters – Kochi
Partenza per Kochi, città costruita parzialmente sull’acqua e parzialmente sulla terra ferma, colonizzata da portoghesi, olandesi e spagnoli fra il 16° e il 18° secolo.

14° Kochi
Visita della parte storica della città, Fort Cochin e Mattancherry: il quartiere ebraico, la sinagoga, il palazzo di Mattancherry, conosciuto come il palazzo Olandese, e la zona del porto con le caratteristiche reti a bilanciere. Nel tardo pomeriggio escursione in barca al tramonto per osservare la città dal mare.

15° Kochi - Destinazione successiva
Trasferimento in aeroporto oppure proseguimento del viaggio con una delle estensioni proposte o con un soggiorno balneare o ayurvedico

Il nord del Kerala
Il viaggio può inoltrarsi con una breve estensione di due o tre giorni nella parte settentrionale del Kerala, a Tellicherry, fra forti, moschee e rappresentazioni di Theyyam, un rituale che consiste in una rara combinazione di danze e musiche che traggono ispirazione dalla cultura tribale locale e che si svolgono nei semplici templi di campagna; chi disponesse di più tempo può proseguire ancora più a nord per un soggiorno sulle spiagge incontaminate di Kanhangad e Bekal.



Stampa viaggio